Ciari & Associati S.t.p. - S.r.l.

Studio di commercialisti, consulenti del lavoro, consulenti finanziari e revisori legali

Rassegna stampa

Rassegna stampa

CREDITO D'IMPOSTA DEL MEZZOGIORNO

Pubblicato il 18 gennaio 2021 alle 16.10

Le imprese che intendono acquisire beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nelle zone assistite delle regioni Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo possono beneficiare di un credito d’imposta sulle spese sostenute fino al 31/12/2022.

La misura dell’agevolazione è quantificata come segue:

  • Per le piccole imprese l’aliquota del credito d’imposta è pari ad 45% (30% per Molise e Abruzzo) con un massimlale di agevolazione pari a 3 milioni di euro;
  • Per le medie imprese l’aliquota del credito d’imposta è pari ad 35% (20% per Molise e Abruzzo) con un massimlale di agevolazione pari a 10 milioni di euro;
  • Per le piccole imprese l’aliquota del credito d’imposta è pari ad 25% (10% per Molise e Abruzzo) con un massimlale di agevolazione pari a 15 milioni di euro.

Sono agevolabili gli investimenti facenti parte di un progetto di investimento relativo l’acquisto, anche mediante contratti di locazione finanziaria, di macchinari, impianti e attrezzature varie destinate a strutture produttive già esistenti o che vengono impiantate nel territorio. Detto ciò, sono comunque escluse dall’agevolazione le imprese operanti nei seguenti settori:

- Industria siderurgica;

- Industria carbonifera;

- Industria della costruzione navale;

- Industria delle fibre sintetiche;

- Industria dei trasporti e delle relative infrastrutture;

- Industria della produzione e della distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche;

- Settori creditizio, finanziario e assicurativo.

Se i beni oggetto dell'agevolazione non entrano in funzione entro il secondo periodo d'imposta successivo a quello della loro acquisizione o ultimazione, il credito d'imposta è rideterminato escludendo dagli investimenti agevolati il costo dei beni non entrati in funzione. Se, entro il quinto periodo d'imposta successivo a quello nel quale sono entrati in funzione, i beni sono dismessi, ceduti a terzi, destinati a finalità estranee all'esercizio dell'impresa ovvero destinati a strutture produttive diverse da quelle che hanno dato diritto all'agevolazione, il credito d'imposta è rideterminato escludendo dagli investimenti agevolati il costo dei beni anzidetti.

Per essere ammessi all’incentivo non è richiesto alcun requisito inerente la sede legale poiché è sufficiente che i beni strumentali siano destinati ad una struttura produttiva localizzata in una regione tra quelle ammesse all’agevolazione.


CIARI & ASSOCIATI SRL - STP



Categorie: Consulenza fiscale


Commenti disabilitati.